venerdì 21 settembre 2012

David Lynch secondo me...

Un regista, un genio, un artista...ma soprattutto un uomo.
Ecco un articolo piccolissimo, spero non troppo piccolo su quello che è secondo me David Lynch.
E' da tanto che non faccio le maratone Lynchane annuali, devo ricominciare  a farle, la mia carrellata di film tanto per ricordare chi è stato il primo regista che mi è piaciuto. Ogni tanto è giusto rifarla ma soprattutto ripigliarla, perchè ritornare alla prima svolta della vita, intendo una svolta artistica e cinematografica, ti riporta in un certo senso con i piedi per terra, anche se con Lynch sembra quasi impossibile rimanere con i piedi per terra, eppure è questa la lezione sul cinema che mi ha dato. Il suo surrealismo,  i suoi sogni, sembrano più reali della realtà, e ci insegnano qualcosa sul nostro inconscio, sulla nostra mente e la nostra psiche: noi non siamo padroni degli eventi che ci capitano. Spesso certi fantasmi ritornano a ricordarci certe sofferenze passate, avvolte si presentano in strane vesti, altri cantano una canzone tra questo mondo e l'altro, altri ancora si nascondono dentro un radiatore, e ci cantano che in paradiso ogni cosa è buona, altri ancora ci telefonano con il nostro cellulare, e rispondono da casa nostra, il doppio, la maschera, il volto, squartano quel mondo ovattato che ci circonda per ricordarci che l'inconscio è illimitato, assurdo, inquietante, e cosa fondamentale è ingovernabile.
Eppure guardando questo simpatico signore, che ha accompagnato gran parte della mia vita, è un uomo mite, che fa meditazione trascendentale, beve litri di caffè, e ha dato un taglio al cinema, ora produce musica, e che musica!!!
Io voglio credere che sia una fase passeggera, che non abbia ceduto e che non si sia arreso, perchè il cinema senza di lui, perde un tassello fondamentale, un artista completo.
O forse è arrivato per lui il momento di dire basta a certe cose, infondo quello che aveva da dire l'ha detto, ma voglio sperare il contrario, perchè non può finire così.
Potessi scrivergli gli racconterei della mia svolta, ma sapere quale sia la sua email sembra quasi un impresa impossibile.

Nessun commento:

Posta un commento